“Aiutare le persone a costruire una casa è una bellissima opportunità di lavorare con i sogni, perché la casa è la rappresentazione di un nostro luogo dove finalmente stare bene”. Basterebbe questa frase per raccontare la forza di Donatella Caprioglio, scrittrice, psicologa e psicoanalista infantile, docente all’Università di Parigi 13, ospite venerdì 15 settembre di Famiglie in Fiera. Dalle 10.30 nel padiglione 138, casa delle famiglie in Fiera del Levante, Donatella Caprioglio condurrà una riflessione sulla psicologia dell’abitare.

Abitare in fondo è un po’ come abitarsi, e riflettere su questo tema che può migliorare la qualità di vita di ognuno di noi, soprattutto quando una casa deve accogliere dei bambini, è un’occasione unica. Donatella Caprioglio, veneziana d’origine, parigina per lavoro e pugliese d’adozione  ha scelto un trullo in quel di Cisternino per vivere una nuova dimensione dell’essere. In Puglia Donatella Caprioglio si è anche occupata di bambini difficili, ideando ad Alberobello “i caffè con i genitori”, importando il suo modello d’ascolto nei piccoli centri di provincia. L’appuntamento con Donatella Caprioglio si iscrive alla lettera L della parola Famiglie declinata a Famiglie in Fiera Luoghi dell’Anima, delle Case e delle Città.

A Famiglie in Fiera presenterà anche il suo libro Nel cuore delle case. A condividere questa riflessione sull’abitare non solo sostenibile ma a misura di persone ci saranno Vanni Marzulli, consigliere delegato agli eventi e all’attrattività del comune di Bari, Carla Tedesco, assessore all’Urbanistica del comune di Bari e Beppe Fragasso, presidente Ance Bari e Bat.

Ecco come racconta Donatella Caprioglio LA PSICOLOGIA DELL’ABITARE

Print Friendly, PDF & Email